Concerto di fisarmonica e sax soprano

PER LIVORNO CITTA' STORICA DELLE NAZIONI

DUO    REMINESCENCE 

Fisarmonica: Massimo Signorini

Sax soprano: Marco Vanni

 

Musiche senza frontiere

Una storia quella della Città di Livorno che merita di essere conosciuta e valorizzata, unica e fantastica, che ha permesso grazie alle Leggi Livornine di divenire il Porto più importante del Mediterraneo nel 1700: “…a tutti voi, mercanti di qualsivoglia nazione, Levantini, Ponentini, Spagnoli, Portoghesi, Greci, Tedeschi, Italiani, Ebrei, Turchi, Mori, Armeni, Persiani ed altri…concediamo…reale, libero e amplissimo salvacondotto e libera facoltà e licenza che possiate venire, stare, trafficare, passare e abitare con le famiglie e senza partire, tornare a negoziare nella Città di Pisa e terra di Livorno …” (Ferdinando I de’ Medici, proclamazione della Legge Livornina, 30 luglio 1591).

Queste leggi doneranno a Livorno, nel tempo, le caratteristiche peculiari di città cosmopolita, tollerante e multireligiosa. A tutti sarà possibile professare la propria religione e molte saranno le chiese e i cimiteri innalzati dagli appartenenti alle varie comunità religiose e straniere, quali ebrei, armeni, greci, olandesi e inglesi.

Livorno è stata ed è terra feconda di artisti: musicisti, pittori, scultori, liutai, scrittori, attori, registi etc…; si citano nomi di fama internazionale quali Amedeo Modigliani, Pietro Mascagni, Giovanni Fattori, Pietro Nardini, Giuseppe Maria Cambini, Johann Paul Schulthesius, Michele Bolaffi, Antonio Gragnani, Filippo Gragnani, Ranieri de Calzabigi etc… Ecco come si giustifica il progetto: CONCERTO PER LIVORNO CITTA' STORICA DELLE NAZIONI