"Arte della pelle e del cuoio"

Incontro

Interviene Lorenzo Carletti

Nel corso dell'incontro si ripercorrerà per sommi capi la storia dell'utilizzo di un materiale che ha accompagnato la storia dell’umanità sin dai suoi esordi, ovvero il cuoio. Ovunque giriamo lo sguardo, nel passato come nel presente, incontriamo uomini e donne che si servono delle spoglie animali per proteggere il proprio corpo, delimitare lo spazio in cui vivono, dotarlo delle più varie suppellettili. Eppure non ci facciamo caso, come se quegli oggetti così essenziali alla nostra esistenza fossero puri dati di natura, assimilabili alle rocce ed agli alberi. Non è così. I più comuni mocassini, le più normali borsette sono il punto d’arrivo di una sapienza stratificata, che va dall’allevamento del bestiame, attraverso la concia, il taglio e la cucitura dei pellami, fino alla messa in commercio del prodotto finito. Una simile catena di esperienze ha del meraviglioso, ma raramente ottiene da parte nostra il riconoscimento assai alto che pur si merita. Immersi come siamo nei prodotti di una pelletteria diffusa, stentiamo ad accorgerci della qualità estetica che normalmente li connota. Verranno illustrati alcuni dei più alti raggiungimenti della pelletteria occidentale dall’Antichità alla Rivoluzione industriale: dai Sandali di Tutankhamon alla Custodia per la corona dell'impero, dal Cofanetto della Cattedrale di Lucca, in qualche modo la “Cappella Sistina” delle arti del cuoio, fino alla Madonna dei Cordai di Donatello, per finire con l'Elefante da gioco per Luigi XV.

L'incontro è organizzato dall'Associazione Amici del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo con la preziosa collaborazione della Dott.ssa Valeria Torregrossa