NaturalMente Connessi

Attività da remoto con utenti Alzheimer

Dalla seconda settimana di Febbraio alla quarta settimana di Aprile 2021


NaturalMente è un progetto nato nel 2017 che prevede l’accoglienza dei pazienti con Alzheimer, assistiti presso ben quattordici strutture oltre che a domicilio, nei luoghi della cultura della provincia di Livorno; esso prevede lo svolgimento di attività culturali appositamente progettate da specialisti del mondo socio-sanitario e culturale.
Nel 2020 la diffusione della pandemia da Covid-19 ed il rispetto delle norme di prevenzione sanitaria hanno comportato una battuta d’arresto del progetto; da qui la necessità di procedere ad una riorganizzazione che prevedesse lo svolgimento delle attività da remoto.  Ecco che il progetto ha adottato il nome di “NaturalMente Connessi”: le attività culturali sono state organizzate in modo da coinvolgere attraverso l’interazione online i malati di Alzheimer residenti presso le strutture sanitarie e quelli che vivono in famiglia assistiti dai familiari.
La finalità del progetto è rendere le attività culturali a distanza una pratica usuale all’interno delle strutture e a domicilio e, in tempi che permetteranno il contatto umano, affiancare questa modalità con quella in presenza.
Promotori, partners, collaboratori e partecipanti hanno scommesso sulla sperimentazione di una rete così ampia perché credono che ampia e profonda debba diventare la cultura dell’accoglienza ed il reciproco sostegno umano e culturale.

Il progetto NaturalMente Connessi è stato sviluppato e promosso da Museo di Storia Naturale del Mediterraneo e AIMA Costa Etrusca con il partenariato di Comune di Rosignano Marittimo, Fondazione Casa Cardinale Maffi, Fondazione d’Arte Trossi–Uberti e la collaborazione di Museo Archeologico Palazzo Bombardieri e Munus, Biblioteca Munu di Rosignano Solvay e Il Cosmo, Museo Etrusco di Populonia Collezione Gasparri e Past Experience, Le stanze del Sé, Cooperativa Itinera, Servizio civile Regione Toscana, Nuovo Futuro, Cuore Liburnia Sociale, Cooperativa Di Vittorio, le Residenze Sanitarie Assistite Casa Cardinale Maffi, Fattoria di Castello, Casina Rossa, Campiglia Marittima,  I Giunchi, San Rocco, Casa del Duca, Casa Maiani, le Residenze Assistite Casa Simoni e San Giuseppe, i Centri Diurni Casa Cardinale Maffi, Casina Rossa e Diurno di Donoratico, la Casa Famiglia Nuovo Futuro, e soprattutto la partecipazione dei malati di Alzheimer e dei loro familiari.

Una buona pratica da condividere, per contribuire ad accendere una luce di speranza per situazioni complesse in tempi particolarmente difficili, con l’augurio che essa divenga un utile strumento di supporto una volta conclusa l’emergenza sanitaria in atto.

-----------------------------------------------

Referenti del progetto:
Marinella Zagaglia – AIMA Costa Etrusca - info@aimacostaetrusca.it
Barbara Raimondi – Museo di Storia Naturale del Mediterraneo della Provincia di Livorno – archeologia.museo@provincia.livorno.it